SMR Motorcycles e Alex Zanotti al Transitalia 2017

SMR Motorcycles e Alex Zanotti al Transitalia 2017

La prima casa motociclistica nata nella più antica Repubblica del mondo, SMR Motorcycles sarà alla partenza del Transitalia Marathon 2017 con il Campione Alex Zanotti.

Campione mondiale Baja 2012 e 2013, vincitore di undici titoli tricolori nel Motorally, Alex Zanotti è non solo un pilota, ma anche un collaudatore e collaboratore chiave per l’azienda, dove, rappresenta i prodotti made in San Marino a livello mondiale.

SMR è orgogliosa di presentare un sistema che rivoluzionerà la sicurezza della competizione più pericolosa e difficile al mondo, la Dakar.  

SMR Motorcycles ha deciso di intraprendere la strada della progettazione e creazione di una moto esclusiva e tecnologica che aiuti ad affrontare questa sfida unica a coloro che ne faranno parte.

Si tratterà di una specifica moto ad alto contenuto tecnologico per offrire un servizio di assistenza permanente nelle competizioni del deserto e della Dakar.

Gli esperti, inoltre, lavoreranno assieme all’equipe di GDT Telecomunicazioni, una grande azienda italiana specializzata in fibra ottica e sistemi di comunicazione Tetra. La stessa incaricata dall’amministrazione centrale italiana per sviluppare nuove tecnologie di comunicazione per forze dell’ordine e soccorsi d’emergenza.

Di fatti, in una competizione come la Dakar, che comprende 10.000 km in 13 giorni con tappe giornaliere di 700-800 km, è fondamentale avere un sistema di comunicazione efficace e tempestivo.

L’obiettivo consiste nello sviluppare una tecnologia attraverso un software satellitare di gestione che possa interfacciarsi con la centralina della moto, il pilota ed i meccanici che si trovano a 500 km di distanza.

In questo modo il cliente avrà a disposizione un equipe tecnici specializzati e qualsiasi ricambio necessiti loro per la moto.  

Attraverso l’apparecchiatura satellitare, i meccanici visioneranno in tempo reale tutti i parametri di gestione del motore e in casi estremi, onde evitare una rottura, potranno intervenire a distanza.

 L’apparecchio avra inoltre un collegamento con ventose sul pilota, grazie al quale si potranno trasmettere, in tempo reale, le funzioni vitali di quest’ultimo al centro direzione gara e al centro medico.

In caso di caduta, le condizioni cliniche del pilota saranno verificabili in pochi minuti. Questo permetterebbe ai soccorsi di arrivare già preparati per affrontare un eventuale infortunio.