Pillole di RoadBook n.31 Navelli

Pillole di RoadBook n.31 Navelli

Navelli, un minuscolo comune con poco più di 500 abitanti a 34 chilometri dall'Aquila, è la porta dei parchi trovandosi all'incrocio fra il Parco nazionale del Gran Sasso e il Parco  regionale del Silente-Velino. Raccontare tutte le sue peculiarità porterebbe via molto più dello spazio a nostra disposizione. Il paese è inserito fra i Borghi più belli d'Italia 'con le sue mille finestre che guardano a valle e sorvegliano silenziosamente la piana'. Navelli parla attraverso le sue pietre, i ciottoli che lastricano le vie, le chiese e i palazzi signorili.
Qui passava un antico tratturo, ma non è la pastorizia ad aver reso Navelli famosa nel mondo, bensì lo zafferano i cui fiori viola nei mesi di ottobre e novembre colorano la piana spuntando all'improvviso dalla terra bruna. L'oro rosso di Navelli è la fonte della bellezza di questo centro, ma non mancano altre specialità culinarie: dai ceci alle costatine d'agnello, dalle mandorle a un raro e particolare olio d'oliva. Qui tutto è unico, speciale, come l'emozione che suscitano questi panorami allo sguardo.
Le magnifiche 'pietre' di Navelli

Le magnifiche 'pietre' di Navelli

Lo zafferano sbuca dalla piana di Navelli

Lo zafferano sbuca dalla piana di Navelli