Da ore ormai abbiamo il Gran Sasso alle spalle ma non ci può certo dire che l'orizzonte che si staglia davanti a noi sia piatto. Il motivo è il massiccio della Majella, una meta familiare per i 'cugini' dell'Italian Challenge, l'altro fiore all'occhiello del Minoa group. Con un'altezza massima di quasi 2800 metri (col monte Amaro) è il secondo gruppo più alto degli Appennini. Rispetto al Gran Sasso, la Majella è più verde, solcata da valloni profondi scavati da fiumi come l'Onferno o antichi ghiacciai. Queste terre selvagge racchiudono il Parco nazionale della Majella, 74mila ettari, quello dell'orso e del lupo che comprende paesi come Pacentro, eletto fra 'I borghi più belli d'Italia'. A disposizione dei visitatori ci sono oltre 700 chilometri di sentieri, di ogni grado di difficoltà.

Una vetta del massiccio della Majella

Una vetta del massiccio della Majella

L'orso Marsicano è il simbolo del parco

L'orso Marsicano è il simbolo del parco