Pescara

Il porto turistico di Marina di Pescara è una delle strutture più grandi dell'Adriatico, bandiera blu d'Europa ininterrottamente dal 1990 ad oggi.

Un riconoscimento internazionale di grande prestigio, che viene attribuito dalla Fee&Fee Environments a quelle strutture ricettive capaci di garantire un sistema di “alta qualità”.

Chi approda al Marina di Pescara trova servizi e attrezzature all'avanguardia, l'assistenza di personale qualificato, i negozi del centro commerciale, bar e ristoranti, aree attrezzate, il club nautico, servizi charter, noleggio bici e tutti i migliori comfort per il diportista. Può inoltre godere della bellezza del paesaggio in un'atmosfera raffinata e rilassante.

Ogni particolare è pensato per rendere comoda e piacevole la permanenza all'interno del Porto Turistico.

Situato al centro della città, il Marina di Pescara è perfettamente collegato con l'Aeroporto, la Stazione Ferroviaria e l'Autostrada. Grazie a una posizione geografica invidiabile, da qui si parte verso le rotte più belle dell'Adriatico, mete ricche di fascino come la Croazia, la Grecia, la costa del Gargano, le Isole Tremiti, la riviera del Conero.

Servizi e Strutture:

Il Marina di Pescara ospita negozi ed attività di ogni tipo, per qualsiasi esigenza, il tutto inserito in un contesto strutturale che rende piacevole ogni momento di relax.

L'area shopping, inaugurata nel 1993, contiene un insieme di negozi e ristoranti ed un'elegante piazzetta, che oltre ad aumentare i servizi ai diportisti è divenuta nel tempo anche punto di riferimento ed intrattenimento dell'intera città.

Una serie di servizi e di strutture completa il ventaglio di offerte del Marina di Pescara:

    • Snack bar, Ristoranti, Pizzeria


    • Agenzie pratiche nautiche


    • Attrezzature e accessori nautici


    • Boutique

    • Snack bar, Ristoranti, Pizzeria


    • Agenzie pratiche nautiche


    • Attrezzature e accessori nautici

vai al sito Marina di Pescara

vai al sito Pescara Turismo

vai al sito del comune di Pescara

Storia di Pescara

La storia di Pescara è poco conosciuta ed alcuni momenti del passato sono ancora avvolti nell’oscurità. Non di meno, le origini della città sono antiche e legate alla posizione geograficamente favorevole come raccordo delle vie di comunicazione tra l’antica Roma e l’area dell’Adriatico. Nei secoli successivi, l’importanza della posizione strategica di Pescara ha sempre connotato lo sviluppo della sua vita economica e sociale, prima limitata alla funzione di baluardo di difesa militare e poi, dalla seconda metà del XIX secolo, caratterizzata da una fiorente attitudine al commercio e di località di villeggiatura.

IL PRIMO INSEDIAMENTO
Probabilmente il primo insediamento avvenne nella zona collinare: dei recenti scavi sul Colle del Telegrafo nell’area a nord della città, sono stati riportati alla luce reperti risalenti a circa seimila anni fa. Risalgono invece a circa cinquemila anni fa i resti di un villaggio di agricoltori ritrovati in Fontanelle Alta, nella parte a sud del fiume Pescara.

IN EPOCA ROMANA
Secondo alcuni studiosi, i primi abitanti di Pescara fondarono un villaggio sulle rive del fiume che in epoca romana fu chiamato Vicus Aterni e, successivamente gli fu attribuito il nome dell’omonimo fiume, Aternum; nell’epoca romana si usava indicare Pescara anche con il nome di Ostia Aterni proprio per via del ruolo di centro nevralgico delle vie di comunicazione.

Infatti, con il nome Ostia Aterni si indicava la foce di un fiume e, nella fattispecie, “foce del fiume Aterno”. Essa era importante per lo sbocco della strada Consolare n.5, Tiburtina Valeria, che collegava Aternum a Roma, oltre che per il porto interno che era importante per i collegamenti con Salona. Altri ritengono che il nome di Ostia Aterni si riferisse, invece, ad un piccolo insediamento situato su un’isoletta alla foce del fiume, che si presume fosse a delta.

La teoria, però, non trova consensi in quanto se è vero che nel letto del fiume esisteva una piccola isola (chiamata isola dei Cannizzi), è anche vero che l’isola, date le sue piccole dimensioni, sparì con la forza delle acque del fiume.
In epoca augustea Ostia Aterni faceva parte della regio IV Samnium che era una delle regioni italiane dell’epoca.

Nella città furono costruiti alcuni importanti edifici pubblici e privati. Si sa che nel centro abitato erano stati edificati diversi templi tra cui quello dedicato a Giove Aternio. Alcune testimonianze, ci informano poi dell’esistenza, in Aternum, del culto della dea Iside.

Nel libro di Giuseppe Quieti “Pescara antica città”, si dà conto della esistenza di un ponte monumentale costruito per volontà dell’imperatore Tiberio che volle anche rimodernare l’importante porto, per gli scambi commerciali con l’oriente e, probabilmente, per scopi militari.       .... continua ..

fonte www.pescaraturismo.it