Home

RIMINI

PASSIGNANO S.T.

CASCIA

PESCARA

"Grande spettacolo quest'anno alla quarta edizione del Transitalia Marathon, perchè i veri protagonisti sarete Voi.

Il 2018 vuole celebrare la fiducia che ci avete accordato in questi anni.

La voglia di stare insieme per condividere grandi emozioni, lo stupore di visitare luoghi bellissimi con il fascino della vera navigazione attira appassionati da tutto il Mondo che, a cuore aperto, sono pronti ad assorbire tutte le emozioni che vogliamo offrire.

Proprio per questo l'appuntamento a Rimini sarà già dal martedì 25 settembre con la possibilità di espletare le operazioni preliminari ed avere così più tempo per godersi la giornata celebrativa del mercoledì; sì perchè mercoledì ogni uno di voi avrà tempo e modo di salire sul grande palco del Transitalia Marathon con la propria moto, presentarsi alla stampa e al pubblico e partire per un breve prologo celebrativo. ...e poi la sera briefing, cerimonia di apertura e grande cena come da tradizione.

Sarà la grande parata con la partenza del prologo che vedrà la presentazione sul grande palco dello start di ogni singolo partecipante che terminato l'itinerario posizionerà la moto nel parco chiuso in attesa della cerimonia in puro stile Internazionale.

Giovedì 27 all'alba la partenza del Transitalia 2018 su un tracciato completamente inedito con tappe off road stupende e interamente navigate con Road Book.

Tappa 3 sarà la più impegnativa in termini di chilometri in quanto attraverserete due intere Regioni su piste in altitudine con una elevata incidenza off road.

Il Transitalia Marathon è un evento nato da un sogno al quale ad occhi aperti non ho mai smesso di crederci ed ora vedere la macchina operativa che lavora tutto l'anno è il concretizzarsi di questo grande regalo che Voi partecipanti mi avete fatto e la cosa più bella di tutto questo lavoro annuale è che in quei quattro giorni diventiamo e siamo una unica compagine di amici senza distinzione tra Campioni del Mondo, professionisti e grandi appassionati.

Transitalia Marathon vuole essere la grande festa del Moto Turismo unito al grande spettacolo del World Rally Raid".

Mirco Urbinati - Organizzatore

 

 

"Transitalia Marathon è una bellissima manifestazione Turistica riconosciuta dalla FMI già alla sua prima edizione svoltasi nel 2015. La FMI, innovatrice e comunque attenta a qualsiasi nuova espressione del motociclismo, con il suo un nuovo settore denominato Mototurismo Adventouring ha raccolto le esigenze di tutti coloro che fanno della motocicletta un mezzo per esplorare nuove forme di viaggio e di avventura. Una nuova forma di turismo che,  rispetto al mototurismo classico, da la possibilità ai partecipanti di vivere le emozioni che si possono provare esplorando dei percorsi articolati anche su strade bianche e che mettono i partecipanti a stretto contatto non solo con la cultura, l'arte e la storia del nostro Paese ma anche con le bellezze della natura che l'Italia offre in tutte le sue molteplici forme. Panorami bellissimi e scorci naturali che si possono ammirare solo percorrendo strade che spesso non sono battute da chi non conosce questo tipo di percorsi. Il Mototurismo Adventouring, attraverso manifestazioni come il Transitalia Marathon, da quindi la possibilità di affrontare questi percorsi su strade prevalentemente a fondo naturale nel pieno rispetto del territorio e dell'ambiente. Aspetti, questi ultimi, che stanno a cuore alla FMI tanto che la stessa ha notevolmente aumentato il suo impegno istituzionale ed educativo verso i suoi tesserati su temi così importanti ed attuali. Un turismo nuovo e bellissimo che attraverso manifestazioni come il Transitalian Marathon non potrà che vedere nel prossimo futuro un notevole incremento."

Giovanni Copioli - Presidente Federazione Motociclistica Italiana

 

Il fascino di guidare la moto per ore su di un percorso interamente navigato off road mentre l'Italia ci scorre attorno. TRANSITALIA MARATHON è il mito rimasto nella storia del motociclismo, l'evento che riuscì ad attirare appassionati da tutta Europa in quanto al fascino, alla lunghezza del percorso, alle tappe impegnative e bellissime; passaggi surreali incontaminati immersi nella natura. TRANSITALIA MARATHON oggi vuole regalare agli appassionati le stesse emozioni di allora in un evento unico itinerante che attraversa ben 6 regioni per un totale di quasi 900 km su di un percorso che ripercorre alcuni tratti salienti della mitica manifestazione. Attraverso più tappe interamente navigate ed un percorso quasi prevalentemente OFF ROAD scorrevole adatto anche alle Maxienduro stradali potrete vivere una vera atmosfera Rallystica senza l'angoscia di un cronometro. Le tappe infatti, sebbene caratterizzate dalla lunghezza, permettono a qualsiasi appassionato, con un pò di esperienza, di essere percorse godendosi panorami indimenticabili. Con una formula itinerante il percorso non passerà mai nello stesso punto ma chilometro dopo chilometro ci si lascerà un tratto di Italia alle spalle spingendosi sempre più lontano, di tappa in tappa. Al fine di ogni tappa avremo la possibilità di condividere insieme le emozioni dei paesaggi attraversati che sicuramente ci daranno l'impressione di lasciarci tutto il mondo alle spalle. La formula di navigazione è Road Book e GPS con consegna del percorso all'inizio di ogni tappa durante un briefing proprio come in una vera manifestazione Rally.

English: The glamour of to drive the movement for now over a route entirely sailed while Italy runs us around. TRANSITALIA MARATHON is the myth remained in the story of the motorcycling, the event that succeeded to attract fascinated from all Europe as to the glamour, to the length of the route, to the binding and attractive stages; surrealistic passages unblemished immersed in the nature. TRANSITALIA MARATHON today wants to give to the fascinated the same emotions in those days in a sole event traveling that go through quite 6 regions for a total of almost 900 km over a route that retraces some strokes of the mythical show. Across 3 stages entirely sailed and a route almost mainly off flowing road suitable also to the road Maxienduro you will be able to live a true atmosphere Rallystica without the anguish of a stopwatch. The stages in fact, even though characterized from the length, allow to any fascinated with a little bit of experience in off road, to be routes in agility enjoying itself unforgettable panoramas. With a traveling formula the route will not pass ever in the same point but kilometer after kilometer will be slackened us a stroke of Italy to the shoulders pushing itself more distant, of stage in stage. To the end of every stage we will have the possibility of to share together the emotions of the landscapes go through that surely will give us the impression of to leave us all of the world to the shoulders. The formula of navigation is Road Book and GPS with delivery of the route in the beginning of every stage during an actual briefing like in a true show Rally.

L'organizzatore Mirco Urbinati

"Al prossimo Transitalia Marathon parteciperemo insieme!"questa è la promessa che ci eravamo fatti io e Sergio Santoni. Saremo andati insieme a quella manifestazione che lui aveva fatto tante volte e io mai perché ero troppo giovane e perché avevo iniziato solo da un paio di anni la mia esperienza in moto. Saremo andati insieme, si, se qualcuno avesse mai riorganizzato il Transitalia Marathon.

L'ultima edizione fu nel 1994. 

Così tra un moto rally, una gara di enduro e un'uscita in moto tra amici negli anni ho ripercorso quel mito tappa dopo tappa sulle orme di un evento che ormai non c'era più.  Grazie a questa operazione di scouting ho scoperto paesi stupendi, borghi nascosti, scorsi e paesaggi mozzafiato e anno dopo anno me ne sono innamorato.e la voglia di essere anche io uno dei partenti del Transitalia Marathon è cresciuta di giorno in giorno, di anno in anno.

Ma la promessa è sempre rimasta in piedi.

Poi Sergio si è ammalato.

Forse è proprio lì che è scattato qualcosa. Forse l'urgenza di mantenerla prima che fosse troppo tardi.  E così, grazie al sostegno delle persone al mio fianco, di chi ha sempre creduto in me e ha visto potenzialità che io non vedevo, ho iniziato a pensare che, dato che nessuno lo riorganizzava, l'avrei potuto fare io. Così il lavoro di scouting portato avanti per anni si è intensificato, il percorso è stato da me personalmente tracciato, visto e ricontrollato mille volte.

Poi è iniziato il lavoro burocratico e amministrativo. Grazie alla collaborazione del professionista Pietro Vitale abbiamo ottenuto i patrocini e i permessi per passare in ben due parchi nazionali, solitamente off limits agli eventi su due ruote in off road. Ci hanno addirittura concesso di passare attraverso la meravigliosa città di Norcia riservandoci un'accoglienza degna di un capo di stato. E che dire di Leonessa. I ragazzi del moto club locale ci hanno commosso per la loro ospitalità e il loro entusiasmo. Ci hanno accolto con banda, forze dell'ordine schierate, fuochi d'artificio e majorette! Infine Campo Imperatore, il traguardo tutto nostro  raggiunto dai partenti come le lacrime agli occhi per l'emozione.

È stato un lavoro lungo, incessante, con scogli da superare, non lo nego, combattendo a volte contro l'indifferenza di alcuni e l'invidia di altri.

Ma vedere quegli occhi rossi di sconosciuti che dopo 3 giorni sono diventati amici, e leggere ancora oggi i messaggi carichi di empatia che mi mandano, mi ha regalato un'emozione incommensurabile.

Il tempo spesso è tiranno e Sergio non è potuto salire sulla sua moto e partire con noi. Ma era comunque con noi, nei nostri cuori, sulla gigantografia esposta sul palco, nelle targhe date al gruppo più numeroso, a Bruno Birbes e a Roberto Boano, nel l'accoglienza che i suoi famigliari hanno dedicato ai partecipanti davanti a casa sua. In qualche modo, o meglio, a modo mio, la promessa l'ho mantenuta, 

Ora per rendergli onore davvero, il seguito della promessa è quello di portare avanti questo progetto negli anni.  Perché le emozioni vissute in questi tre giorni, da me in primis, dai miei preziosi collaboratori e infine dai partecipanti possano toccare sempre più persone appassionate dell'off road e delle due ruote.

Perché oggi come oggi cosa c'è di più bello del regalare emozioni?